Check up completo in cosa consiste?

Il termine check up lo sentiamo spesso utilizzare in ambito medico e anche se magari non sappiamo esattamente in cosa consiste è chiaro che si riferisce a degli esami da sostenere. Ma di quali esami si tratta? E cosa è il check up di preciso? Piuttosto che fare delle ipotesi ed avere sempre dei dubbi, cerchiamo di entrare nel dettaglio e di capire il check up completo in cosa consiste!

Chech up completo cos’è

Il termine Check-up si riferisce ad una serie di esami e test diagnostici grazie ai quali è possibile valutare in maniera approfondita le condizioni di salute di un soggetto. Gli esami compresi nel check-up sono di varie tipologie e sono indispensabili per poter fare una corretta diagnosi e trattare in modo precoce malattie anche gravi.

Proprio per questo sono considerati importanti per la prevenzione e a seconda dei casi vanno anche eseguiti regolarmente, come una sorta di controllo sulla salute. Infatti, un check up completo permette di scoprire determinati fattori di rischio come ad esempio quelli di tipo cardiovascolare, fare una diagnosi precoce di patologie serie quando ancora non si sono manifestate, evitando che degenerino e rallentandone il decorso.

check up completo

E’ il medico in genere a consigliare di effettuare un check up completo, soprattutto a soggetti di un’età media o avanzata, in cui hanno riscontrato delle alterazioni che vanno analizzate e tenute sotto controllo. Con gli esami opportuni il medico può valutare le condizioni generali di salute della persona ed eventualmente intervenire.

Chech up completo quali esami prevede

Quando si parla di check-up si intende, come già detto, una serie di esami e test clinici di vario tipo: si va dal colloquio a tu per tu con il paziente alla sua storia clinica e familiare e si prosegue con gli esami del sangue, delle urine, della vista, fino ad esami strumentali, ai test di screening e molto altro. Ne dettaglio, ecco un elenco degli esami da sostenere per effettuare un check up completo:

  • Esami del sangue – utili per dare informazioni su glicemia, colesterolo, trigliceridi e accertare se sono presenti infezioni
  • Esame delle urine – utili per dare informazioni sulla situazione dell’apparato urinario e per verificare se sono presenti infezioni urinarie o altre problematiche riguardanti reni, ureteri, uretra e vescica.
  • Misurazione della pressione arteriosa – consente di rilevare la presenza di ipertensione e ipotensione
  • Elettrocardiogramma – utile per verificare le condizioni del cuore
  • Ecocolordoppler arterioso – serve ad individuare se vi sono occlusioni arteriose dovute all’aterosclerosi, a fare una diagnosi su una trombosi venosa profonda, a valutare la presenza di varici
  • Visita oculistica – utile per effettuare una diagnosi su alcune patologie oculari che sono tipiche nell’età avanzata come cataratta, presbiopia e degenerazione maculare senile
  • Visita odontoiatrica – utile per tenere sotto controllo la salute dei denti e delle gengive. La cura di denti e gengive tiene lontane le cardiopatie.
  • Visita otorinolaringoiatrica – utile per verificare l’udito e se è necessario l’utilizzo di un eventuale apparecchio
  • Ecografia all’addome – consente di analizzare organi come i reni, la milza, il fegato, il pancreas, l’intestino, le vie biliari, i vasi sanguigni e molto altro e verificare se possono esserci malattie gravi.
  • Controllo dei nei – serve a verificare se nella pelle possono esservi dei tumori maligni.

Vi sono anche altri esami specifici che vanno eseguiti se lo specialista lo ritiene necessario e in base ai possibili sospetti nutriti sulla salute del paziente. Tra questi vi sono la ricerca sangue occulto nelle feci e la rettosigmoidoscopia, esame utile per diagnosticare in maniera precoce un eventuale tumore al colon-retto, e la Mineralometria Ossea Computerizzata, esame che serve per misurare la quantità di calcio e altri minerali è presente nelle ossa.

Per le donne è prevista anche la visita ginecologica ed anche un’ecografia pelvica, due esami che consentono di analizzare lo stato dell’utero e delle ovaie. Questi esami possono essere eseguiti sia prima che durante e dopo la menopausa. Ancora, per una diagnosi precoce del tumore all’utero utile è anche il Pap-test e la colposcopia, mentre per una diagnosi precoce del tumore alla mammella fondamentale è la mammografia. Per gli uomini, invece, per una diagnosi precoce del tumore alla prostata, utile è l’esplorazione rettale digitale e il dosaggio del PSA.

Cosa sono i check up personalizzati

I check Up personalizzati prevedono una visita iniziale e un colloquio del paziente con un medico che lo segue dall’inizio alla fine del percorso, fino alla verifica di tutti gli esami eseguiti ed opportuna valutazione finale.

Lo specialista conduce il paziente attraverso un programma in cui sono previsti esami strumentali e di laboratorio, organizzati e personalizzati sul soggetto. L’obiettivo del percorso è quello di individuare in modo precoce eventuali problematiche che potrebbero rappresentare future patologie, valutare anche alimentazione e stile di vita e altri aspetti che possono manifestare qualche malattia latente.

Il medico referente, attraverso un’accurata analisi degli organi e degli apparati provvede a redigere un quadro completo della situazione e a dirigere il paziente, quando è necessario, verso esami ancora più approfonditi, in modo da istituire una terapia idonea, volta alla risoluzione del disturbo individuato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *