Come usare e come cucinare con il wok

Da diversi anni è arrivata nelle nostre cucine italiane la padella wok, di origine orientale ma molto apprezzata in tutto il mondo. Ma come usare il wok e che tipi di cottura è possibile fare?

Grazie alla sua forma, ad allargare ed alla sua altezza permette di cuocere una maggiore quantità di alimenti contemporaneamente e di raggiungere, al suo centro, temperature più elevate.

Per questo è una padella molto indicata per le fritture e per la cottura della piatto tradizionale spagnolo: la paella. La sua forma permette anche ottimi risultati con la cottura a vapore. Alcuni modelli sono infatti dotate di griglie proprio per questo tipo di cottura.

E’ realizzato in diversi materiali tra cui la versione antiaderente per permettere di cucinare senza aggiungere grassi come olio o burro.

Sughi, spezzatini, salse e zappette sono alcuni dei piatti che meglio riescono se cucinati con un wok invece che con una padella antiaderente tradizionale.

La maggior parte dei modelli più vicini alla forma tradizionale sono dotati di doppio manico e possono anche essere portati a tavola.

padella-wok-come-utilizzarla

I tipi di cottura con il wok

Le cotture che si possono fare con il wok sono davvero molteplici, è una padella molto versatile che ti stupirà.  Frittura, salse, cotture al vapore, al salto e affumicate.

Te lo aspettavi? Ma vediamo meglio come fare.

La cottura al vapore

Grazie alla sua forma il wok ti consente di cuocere al vapore con semplicità. In commercio infatti trovi anche delle griglie che si poggiano nella parte larga del wok e servono per posizionare gli alimenti. Potrai controllare a vista la cottura e potrai tenerli in caldo.

La cottura al salto

Saltare le verdure è un attimo con il wok. Se hai il modello antiaderente puoi anche non aggiungere grassi. Basta mettere gli alimenti nel wok, sul fuoco e girarli con un apposito mestolo in legno. La cottura sarà più veloce ed otterrai verdure gustose e croccanti.

La frittura

Grazie alla sua forma concava puoi fare ottime fritture con il wok utilizzando meno olio rispetto ad altri tipi di padelle. Puoi anche usare degli appositi cestelli in metallo per una facile sgocciolatura.

Affumicatura nel wok

Con il wok puoi anche sperimentare la cucina affumicata come pesci o carni rosse e bianche utilizzando aromi appropriati. Occorre un accessorio come la griglia da poggiare nella parte alta del wok, il coperchio e un po’ di carbonella e trucioli di legno. In commercio ormai trovi tutto.

IN basso metti la carbonella e sopra i trucioli di legno. Quando il fuoco prende ed inizia a bruciale i trucioli è il momento diposiziionare in alto la griglia con gli alimenti da cuocere. Tieni il coperchio per circa 30-50 minuti ed il tuo piatto è pronto.

Come pulire il wok

Come hai visto cucinare con il wok è semplice, veloce e puoi davvero cucinare di tutto. Ma come tutte le padelle va lavato in modo opportuno per non rovinarlo e farlo durare nel tempo.

La maggior parte dei modelli prodotti dalla maggiori marche sul mercato consentono il lavaggio in lavastoviglie.

Altri modelli invece è meglio lavarli a mano. Guarda sempre se è specificato nella confezione quando lo acquisti.

Ti diamo qui un metodo pratico per pulirlo senza rovinarlo.

Dopo averlo usato versa dell’acqua calda e lascialo in ammollo così da togliere eventuali incrostazioni o unti. Dopo un tempo utile in base a quello che hai cucinato, passa una pezza morbida per eliminare lo sporco. Lavalo con un po’ di detersivo per piatti ed il gioco è fatto. Non avrai rovinato il rivestimento antiaderente ed è subito pronto per un cucinare il prossimo piatto.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *