Equazione di dirac: è veramente la formula dell’amore?

Parlare di amore senza puntare l’attenzione sull’equazione di Dirac è praticamente impossibile. Chi non conosce questa formula o magari ne ha sentito parlare anche per una sola volta nella vita? Definita l’equazione dell’amore, quella di Dirac è sicuramente tra le equazioni più accattivanti e affascinanti presenti nella storia della fisica, che oltre a presentare dubbi sulla sua veridicità tuttavia cela dietro un profondo messaggio, che invita a riflettere.

Ma a proposito, l’equazione di Dirac è veramente la formula dell’amore? Cerchiamo di scoprire se quanto affermato dal fisico corrisponde a verità oppure se, come molti sostengono, l’equazione è sbagliata!

Equazione di Dirac significato

L’equazione di Paul Dirac, che fa “(∂ + m) ψ = 0”, formulata dal fisico nel 1928, quando era ancora uno studente del St John’s college di Cambridge, rappresenta l’energia di una particella elementare. Questa equazione fatta di simboli e numeri è stata formulata dal fisico quando aveva appena venticinque anni: il suo obiettivo era quello di porre rimedio alle problematiche che ha prodotto l’equazione di Klein-Gordon che non riesce ad interpretare bene la funzione d’onda, portando probabilità anche negative o inesistenti.

Ma qual è il concetto di questa equazione di Dirac? La formula di Dirac descrive il fenomeno dell’entanglement (= groviglio) quantistico, che mette in evidenza la caratteristica di non separabilità tra gli eventi in quanto sono presenti correlazioni a distanza tra quantità fisiche riscontrabili nei sistemi coinvolti.

 In pratica, il concetto che questa formula racchiude è che “Se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possono più essere descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo, diventano un unico sistema. In altri termini, quello che accade a uno di loro continua ad influenzare l’altro, anche se distanti chilometri o anni luce”.

Equazione di Dirac: formula dell’amore errata o giusta?

Equazione di dirac

Dirac con questa formula un fenomeno che somiglia molto a quanto accade in amore: infatti, quando due persone si incontrano e capiscono di amarsi diventano una sola cosa. E se invece la formula fosse errata? Cosa c’è di vero in questa equazione? Sono in molti gli studiosi che pensano al fatto che la formula sia sbagliata e l’errore secondo loro sta nella formula stessa. Secondo gli scienziati, la formula corretta sarebbe la seguente.

Prima di tutto, è bene sottolineare che la teoria di Paul Dirac è una fusione tra la meccanica quantistica, che si occupa di descrivere il comportamento di piccoli oggetti, e la teoria della relatività di Einstein, che riguarda il movimento rapido dei corpi.

Così facendo l’equazione permette di capire come si comportano gli elettroni quando viaggiano alla velocità pari quasi a quella della luce, introducendo nello stesso tempo sia il suo magnetismo che lo spin dell’elettrone.

Gli scienziati affermano che nella formula vi è un altro errore: infatti, visto che il quantum entanglement ha un significato solo per i sistemi microscopici, se una particella senza carica decade e ne genera altre due con carica opposta, ognuna delle due particelle non possiede una determinata carica fino a quando non viene misurata. Proprio per questo motivo è praticamente impossibile attestare l’influenza di una carica sull’altra.

E poi, se si tiene conto del fatto che l’equazione formulata da Dirac può riferirsi solo a una particella che si muove dentro uno spazio intergalattico, senza interferire con altri campi o altre particelle è evidente che l’errore c’è. Alla fine può trattarsi di un errore grammaticale, ma stando a quanto affermato dagli scienziati la teoria di Dirac non può essere applicata all’amore: infatti, poiché i due innamorati sono considerati all’interno di un sistema macroscopico a questo non si può applicare il suo concetto di indivisibilità. Per tutti questi motivi, spiegati su base scientifica, la formula dell’amore non è valida.

Equazione di Dirac valida per amore platonico?

Tralasciando le spiegazioni scientifiche e quanto detto dagli esperti riguardo alla validità dell’equazione e alla sua applicazione agli esseri umani, se invece vogliamo applicare il concetto alle relazioni che si creano tra gli esseri umani cosa succede?

In base al concetto di Paul Dirac due persone che stringono una relazione d’amore e poi vengono separate non possono essere definite come due soggetti diversi poiché diventano una cosa sola. Dunque, sempre seguendo il suo concetto, anche dopo la separazione, i due soggetti continueranno a portare ognuno dentro di se qualcosa dell’altro e per tutta la vita.

Dunque, a parte le esperienze di ognuno di noi e le distanze, le persone che hanno avuto uno stretto legame subiranno l’influenza tra loro durante tutto il corso della loro vita. Premesso che questo può anche essere possibile, viene da pensare che l’equazione di Dirac, più che essere diretta a rappresentare la formula dell’amore, inteso nel pieno significato del termine, sembra piuttosto alludere ad un amore platonico, visto che anche a distanza può avere interferenze sull’altro. A parte tutti i ragionamenti veri e non veri, questa formula rimane comunque qualcosa di poeticamente unico nel mondo della fisica!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *