Cessione del Quinto: cosa è e perché è onerosa

La Cessione del Quinto è una tipologia di prestito molto richiesta per i suoi vantaggi, tra cui quello di poter essere concesso anche a chi è stato cattivo pagatore. Scopriamo di cosa si tratta e perché è onerosa.

cessione-del-quinto

Cosa è la Cessione del Quinto

La cessione del quinto è un prestito personale non finalizzato, con rimborso a rate costanti, studiato apposta per i lavoratori dipendenti e i pensionati.

Il termine “Cessione del Quinto” indica che il prestito viene rimborsato trattenendo fino ad un massimo di un quinto dello stipendio o della pensione del richiedente.
La rata viene scalata direttamente dalla busta paga o dalla pensione e a garantire il pagamento, quindi, è il datore di lavoro o, nel secondo caso, l’Inps.

Questa formula particolare di prestito personale è a tasso fisso e non può avere durata superiore a 120 mesi. Si tratta di un finanziamento non finalizzato e quindi non è necessario specificare il motivo per il quale si richiede il prestito.

Per ottenere la cessione del quinto non sono richieste garanzie particolari. Questo è possibile perché il finanziamento è di fatto garantito dal TFR maturato, per quanto riguarda i dipendenti, oppure dalla pensione. Entrambi rappresentano una forma di tutela in caso di eventi come perdita di lavoro, infortunio e rischio vita.

La formula è in pratica a rischio zero per chi concede il credito: le banche sono ben felici di attuarla. A pagare gli oneri e le spese maggiori è il cliente, ovvero il beneficiario del prestito.

cessione-del-quinto2

Perché la Cessione del Quinto è onerosa

Anche se la cessione del quinto rappresenta una forma di prestito a basso rischio, è tuttavia una formula che richiede interessi molto elevati al cliente. Questi interessi possono arrivare a picchi che superano addirittura il 20% del tasso reale.

Infatti, se da una parte il prelievo diretto in busta paga solleva dalle incombenze relative al rimborso del prestito stesso, dall’altra può rivelarsi molto rischioso.

Bisogna valutare scrupolosamente tutte le condizioni previste nel contratto di finanziamento prima di sottoscriverlo con l’ente di erogazione. Inoltre, bisogna considerare in aggiunta alle operazioni di calcolo rata, anche tutte le spese accessorie previste che possono far lievitare il costo del finanziamento.

cessione-del-quinto1

La formula della cessione del quinto, infatti, diventa particolarmente onerosa soprattutto nella polizza assicurativa.

Questa polizza, che è sempre obbligatoria nella cessione del quinto, presenta spesso tassi di interesse molto elevati. Si tratta, in pratica, di una doppia assicurazione che l’ente erogatore mette per tutelarsi dai rischi legati al posto di lavoro e dal rischio di decesso del contraente.

La polizza rappresenta un contratto parallelo con termini e condizioni proprie, che va valutata e controllata con la stessa attenzione prestata al contratto sottoscritto per il finanziamento. Infatti, spesso le finanziarie impongono la stipula di una polizza presso compagnie di loro gradimento e quindi con tassi ben più alti.

La cessione del quinto si presenta, inoltre, molto onerosa per chi ha uno stipendio relativamente basso: in questi casi non conviene far domanda in quanto si andrebbero a pagare tassi troppo elevati a fronte di concessione di cifre irrisorie.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *