Corso di abilitazione al sostegno

L’insegnante di sostegno è una tra le figure più richieste nel settore dell’insegnamento e oltretutto garantisce più possibilità di lavoro rispetto ad altre categorie di insegnamento. L’aumento della richiesta scaturisce da un incremento del numero di alunni bisognosi di una figura professionale che li aiuti e li supporti durante il percorso scolastico.

L’insegnante di sostegno è anche la figura ideale per favorire l’inclusione e l’integrazione dell’alunno, in quanto, grazie all’abilitazione al sostegno, è specializzato nel sostenere alunni che presentano un disturbo o un deficit nell’apprendimento diagnosticato da esami medici. Qual è il percorso da seguire per diventare un insegnante di sostegno? Scopriamo come fare.

abilitazione al sostegno

Come diventare insegnante di sostegno

Le nuove regole dettate dal decreto legislativo n. 66/2017 in merito al titolo di specializzazione per diventare docenti di sostegno presso la scuola dell’infanzia e primaria cambiano le modalità per diventare insegnanti di sostegno.

Infatti, la norma stabilisce che per diventare docenti di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria si deve seguire e superare un corso di abilitazione al sostegno che fornisca gli elementi di pedagogia e didattica speciale necessarie per affrontare le attività di sostegno didattico e l’inclusione scolastica.

Corso di abilitazione al sostegno

Il corso di Corso di abilitazione al sostegno è annuale e prevede l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari, comprensivi di almeno 300 ore di tirocinio, pari a 12 crediti formativi universitari. Il corso viene attivato presso le università autorizzate dal Miur, in cui sono attivi i corsi di laurea a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria, ed è programmato sempre dal Miur a livello nazionale e secondo il fabbisogno nazionale.

Per accedere al corso è necessario superare una prova predisposta dalle università. A stabilire i piani di studio, le modalità di organizzative e di attuazione del corso e i crediti formativi necessari per accedervi è il Miur con un decreto apposito.

Requisiti per accedere al corso di abilitazione al sostegno

Per accedere al corso di abilitazione al sostegno gli aspiranti candidati devono possedere determinati requisiti:

  • Devono possedere la laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria per diventare insegnante di sostegno nella scuola primaria, oppure laurea magistrale o a ciclo unico o diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, o titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso.
  • Devono aver conseguito ulteriori 60 crediti formativi universitari relativi alle didattiche dell’inclusione oltre a quelli che sono previsti nel corso di laurea.

Per ottenere il riconoscimento dei 60 CFU, possono essere validi i crediti (CFU) già conseguiti relativi ad insegnamenti, oppure se ottenuti in sede di svolgimento di tirocinio e di discussione di tesi riguardanti il sostegno e l’inclusione.

Da quando in vigore le nuove disposizioni

Sarà il Miur a stabilire con apposito decreto a partire da quando entreranno in vigore le nuove disposizioni. Sarà appunto il decreto a definire le modalità del corso di specializzazione. E’ comunque doveroso sottolineare che il Ministro Bussetti ha intenzione di attivare i TFA ai quali si può accedere con l’abilitazione.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *