Prestiti a casalinghe senza reddito e senza garante

I prestiti per casalinghe senza reddito e senza garante sembrano una vera e propria utopia, tuttavia sono reali e ottenibili sotto forma di prestito personale, basta rivolgersi ai giusti istituti di credito e alle finanziare che concedono questo tipo di finanziamenti. Scopriamo nel dettaglio come funzionano i prestiti a casalinghe senza busta paga e senza garante.

Prestiti a casalinghe senza busta paga e senza garante cosiddetti atipici

prestiti a casalinghe senza reddito

I prestiti per casalinghe senza busta paga sono quelli che fanno parte della categoria di prestiti atipici, in quanto il soggetto richiedente non possiede né contratto né alcuna garanzia da offrire per il rimborso all’ente erogatore.

Rispetto a qualche tempo fa oggi sono numerose le finanziarie che vengono incontro alle casalinghe senza reddito con formule idonee per poter concedere un prestito, quando invece prima era richiesto almeno un contratto part-time, oppure anche una piccola rendita mensile che poteva costituire una garanzia per il rimborso. Nel caso si tratta di un assegno mensile, infatti, la soluzione è la cessione del quinto e la rata viene restituita automaticamente dall’ente erogatore dell’assegno all’ente finanziatore del prestito.

In altri casi, in passato e anche oggi, quando si tratta di casalinghe senza busta e senza reddito, per erogare il prestito l’istituto richiede la firma di un garante, ovvero una persona che risponde del prestito personale e si assume la responsabilità di pagare in caso di mancato pagamento.

Prestiti a casalinghe senza busta paga e senza garante come funzionano

Avere un passato creditizio pulito e senza ombre è una condizione essenziale per poter accedere ai prestiti per casalinghe anche senza busta paga. Essere stati puntuali nei pagamenti di altri prestiti sostenuti in passato favorisce il rilascio di una linea creditizia anche meno rigida. Per importi non troppo elevati spesso le finanziarie rilasciano subito il credito: un esempio di credito veloce è una richiesta fino a 1500 euro che l’istituto di credito concede consegnando una carta di credito speciale detta carta revolving. Si tratta di una carta diversa dalle carte di credito tradizionali, che consente di fare acquisti e di pagarli a rate mensili di piccolo importo, in modo da non gravare sul bilancio familiare.

Il prestito può essere concesso anche attraverso nuove forme di finanziamento studiate apposta per venire incontro alle casalinghe senza reddito e senza garante e in genere non supera i 3.000 euro, proprio per non mettere in difficoltà nel pagamento. Come già detto, la finalità è spesso considerata quella dell’acquisto di beni per la casa che possono essere piccoli o grandi elettrodomestici o altre cose che servono nell’abitazione.

Prestiti a casalinghe senza busta paga e senza garante come trovarli

Prima di accettare il finanziamento è sempre opportuno fare attenzione ai tassi di interesse, che nel caso dei prestiti per casalinghe senza busta paga e senza garante sono abbastanza elevati, soprattutto per quanto riguarda il TAEG. Per trovare la proposta migliore contattare più finanziarie e metterle a confronto prima di accettare, oppure utilizzare un comparatore per facilitare questa operazione. In questo modo è possibile capire a quanto ammontano gli interessi, la rata mensile e quando è l’importo complessivo del prestito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *