Rootkit android

Un rootkit è un programma progettato per consentire agli hacker di accedere e rubare dati dal pc di un utente restando nascosti nel computer per un tempo indeterminato. Oltre che ai pc, i rootkit possono infettare anche il sistema operativo Android e diventare pericolosi quindi per le periferiche smartphones. Scopriamo nel dettaglio i pericoli che possono portare i rootkit android e come rimuovere rootkit android.

Pericoli dei rookit android

I rookit android sono comparsi negli ultimi anni e fanno parte della classe dei mobile rootkit, studiati per dispositivi mobili pensati per dispositivi Android. I danni di questi rookit non sono piacevoli e possono comportare l’intercettazione di codici segreti e di tutte le informazioni presenti sullo smartphone.

Proteggersi è quindi fondamentale, per cui la soluzione migliore è quella di rimuovere i rookit android per poter stare tranquilli. Tuttavia, rimuovere un rootkit rimane è un compito abbastanza difficile e richiede l’uso di strumenti specifici in grado di individuare e rimuoverli.

Come rimuovere rootkit android

Per rimuovere i rootkit android è possibile utilizzare delle specifiche app in grado di rimuovere i binari di SU con la massima sicurezza. L’app pensata per questo scopo è SuperSU e permette di effettuare l’unroot completo in tutta sicurezza sulla maggior parte dei dispositivi. Subito dopo l’operazione di unroot è consigliabile riavviare il dispositivo.

Un’altra app totalmente gratuita è Odin 3, ideale per Samsung Galaxy S5, Galaxy S4 e altri telefonini prodotti dall’azienda coreana. Per quanto riguarda la procedura da seguire è sufficiente cliccare sul pulsante PDA, dargli il file CF-ROOT e cliccare sul pulsante START.

Prima però bisogna collegare lo smartphone al pc e avviarlo in modalità download, premendo simultaneamente i tasti Volume -, Home e Power). Quando il dispositivo viene connesso al PC, Odin ne segnala la presenza nel riquadro ID: COM collocato in alto a sinistra che diventa giallo o azzurro. Se questo non si verifica bisogna installare i driver USB di Samsung scaricandoli dal sito dell’azienda.

Per quanto riguarda i dispositivi LG per rimuovere rokkit android occorre il software IOroot. Prima di usarlo è necessario attivare il debugging USB su Android.

Per svolgere quest’operazione bisogna andare nelle Impostazioni del sistema operativo, selezionare la voce Info sul telefono dal menu che si apre e premere sul pulsante Numero build per sette volte consecutive. In questo modo si sblocca il menu Opzioni sviluppo in cui si trova l’opzione relativa al debug USB. Infine collegare lo smartphone al PC, lanciare il programma root.bat e seguire le indicazioni su schermo.

Altri strumenti utili per rimuovere rootkit Android sono anche KingoRoot, app per Android che tra le sue funzioni ha anche l’opzione Unroot per rimuovere ogni traccia di SU. In alternativa è possibile utilizzare KingoRoot anche su Windows, sia per abilitare sia per disabilitare root.

Un altro strumento ideale è Nexus Root Toolkit, indicato per i dispositivi Nexus. Una volta aperto il tool basta cliccare sulla voce Flash Stock+ Unroot per far tornare il Nexus alle impostazioni predefinite originarie.

Prima di effettuare la procedura il tool richiede anche le condizioni del sistema, quindi se questo è in softbrick o in bootloop selezionare la voce omonima per effettuare un reset completo, mentre negli altri casi basta la voce Device is on/Normal.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *