Deframmentazione: a cosa serve deframmentare un PC

Se utilizzi un pc o comunque hai a che fare con il mondo dei computer hai sentito parlare sicuramente di deframmentazione dell’hard disk allo scopo di migliorare le prestazioni della macchina. In cosa consiste? E a cosa serve deframmentare un pc? Entriamo nel dettaglio di questo termine per capire come avviene la deframmentazione di un pc e a cosa serve.

Deframmentazione che cos’è

L’utilizzo costante di un computer comporta inevitabilmente un suo rallentamento, dovuto all’installazione di nuovi programmi che n modo automatico partono ad ogni riavvio del computer oppure perché i file salvati sono diffusi nell’hard disk.

Quando i file vengono memorizzati non sono scritti in modo contiguo: ciò succede spesso per file di grandi dimensioni e perché sul disco non c’è uno spazio tanto ampio da accogliere l’intero file in una determinata area. Per velocizzare l’hard disk si possono spostare i file e renderli contigui. Questa operazione si chiama deframmentazione ed è un’operazione che richiede del tempo perché avviene lentamente e deve essere eseguita quando non utilizziamo il computer.

A cosa serve deframmentare un Pc

A cosa serve dunque esattamente la deframmentazione del PC? Come già detto, dopo un po’ di tempo i file che hai installato sono praticamente sparsi tutto il disco. Per trovarli e ricostruire la sequenza dei file l’hard disk sarà costretto ad effettuare un sforzo maggiore e quindi il tuo pc impiegherà più tempo visto che sparsi qua e là, e anche più fatica e questo comporta un rallentamento che a lungo andare incide sull’efficienza del computer.

A questo punto la deframmentazione si rende assolutamente necessaria e grazie ad essa puoi riordinare le informazioni che Windows salva in maniera frammentata in parti del disco distanti fra loro. In poche parole, la deframmentazione riavvicina gli spazi liberi in maniera tale che il computer possa memorizzare la sequenza di dati in sezioni vicine. Alla fine della deframmentazione il pc impiegherà meno tempo per richiamare file e programmi e migliorerà le sue performance.

Come deframmentare un PC

Prima di avviare una deframmentazione, è consigliabile eseguire qualche programma per pulire il sistema operativo dai file non necessari. Si tratta di un’operazione fondamentale da eseguire, per non tenere sul pc cose inutili. Per eseguire questa operazione, puoi utilizzare un programma come il gratuito CCleaner oppure altre soluzioni a pagamento come Advanced System Care o servizi similari.

Deframmentare il pc è facile e non richiede comunque competenze informatiche specifiche. Dopo aver eseguito la pulizia come indicato in precedenza puoi passare alla deframmentazione eseguendo dei passi semplici e veloci.

Per eseguire questa operazione in modo immediato è sufficiente scrivere nella barra di ricerca di Windows 10 “Deframmenta e ottimizza unità”. Dopo che hai messo questa dicitura prosegui cliccando su “Analizza”, in modo da accertarti se l’hard disk ha bisogno di manutenzione, e poi su “Ottimizza “per deframmentare il disco. Invece, se vuoi eseguire la deframmentazione in un altro momento la puoi pianificare cliccando su “Modifica impostazioni” . Una volta programmata la deframmentazione verrà eseguita dal computer.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *