Cosa è la bolla prossemica?

Avete mai sentito parlare della bolla prossemica? Probabilmente no, o magari qualche volta avete sentito questo termine ma non avete mai approfondito il suo significato. Eppure si tratta di qualcosa che non è difficile da comprendere, poiché la prossemica studia il nostro comportamento e le nostre reazioni all’interno di una comunicazione. Scopriamo di cosa si tratta.

bolla prossemica

Cosa è la prossemica

La prossemica è una disciplina semiologica che studia i gesti, il comportamento, lo spazio e le distanze all’interno di una comunicazione, sia verbale sia non verbale. La disciplina è stata fondata all’inizio degli anni sessanta dall’antropologo americano Edward Hall, uno dei primi ad occuparsi e ad approfondire lo studio sulle esigenze spaziali dell’uomo.

La prossemica è dunque lo studio delle relazioni di vicinanza nella comunicazione e grazie ai risultati ottenuti da Hall è stato possibile dare vita a un nuovo concetto delle relazioni umane. Ogni giorno comunichiamo mettendo o ripristinando distanze senza esserne consapevoli e la prossemica, disciplina che riguarda la percezione, l’organizzazione e l’uso dello spazio, della distanza e del territorio nei confronti degli altri, ci permette di capire quali sono queste distanze e quanto possono essere diverse da soggetto a soggetto.

Significato di bolla prossemica

Basandosi sul fatto che tutti noi abbiamo uno spazio personale che ci separa e ci protegge dal resto del mondo, e quindi abbiamo delle aspettative su come dovrebbero comportarsi le altre persone, è naturale che eventuali deviazioni generano una nostra reazione.

Questo spazio, che consideriamo il nostro territorio personale e che ci aspettiamo che venga rispettato e non invaso, viene detto da Hall bolla prossemica, perché si sviluppa tutta intorno a noi. Ad esempio, se qualcuno ci chiama e ci avviciniamo per rispondere, la distanza in cui ci fermeremo dall’altro sarà il nostro spazio prossemico, cioè quella distanza mentale e relazionale che vogliamo avere da quella persona.

Lo spazio che quindi ci separa dagli altri è uno spazio mentale, esiste nella nostra mappa del mondo e viene detto appunto da Hall spazio prossemico o bolla prossemica.

La prossemica: questione di distanze

La gestione del territorio nella prossemica comprende anche la regolazione della distanza spaziale, che viene distinta da Hall in quattro tipi:

  • Zona intima – si tratta della distanza delle relazioni intime, che viene intesa come la zona di proprietà ed è compresa fra 0 e 0,5 m circa.
  • Zona personale – si tratta della distanza che teniamo con gli amici, con i colleghi al lavoro, che consente di vedere e toccare l’altro ma non percepirne l’odore ed è compresa fra 0,5 e 1 m circa.
  • Zona sociale – si tratta della distanza con cui ci teniamo dalle persone che consideriamo estranee e con cui ci sono interazioni più formali ed è compresa fra 1 e 3,5/4 m.
  • Zona pubblica – si tratta della distanza tenuta quando ci troviamo in luoghi pubblici e va oltre i 4 m.

Come si può ben capire, la regolazione dello spazio ha un significato molto importante a livello comunicativo e può favorire reazioni di vario tipo. Per questo la cosa più sensata sarebbe quella di rispettare la bolla prossemica

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *